Come stirare una camicia in modo perfetto senza lasciare le pieghe

//Come stirare una camicia in modo perfetto senza lasciare le pieghe

Come stirare una camicia in modo perfetto senza lasciare le pieghe

2018-04-23T16:26:32+00:00

Stirare una camicia è da sempre, per molti, un problema. Sicuramente non si tratta del capo di abbigliamento più semplice da stirare, anche perché piuttosto delicato e articolato, ma con qualche piccolo e semplice accorgimento si possono ottenere risultati eccellenti senza lasciare le pieghe.

Le camicie sono considerate un tipo di abbigliamento elegante, ma adatto anche per uno stile casual e sono tantissimi coloro che quotidianamente le indossano, sia per motivi di lavoro che per il semplice gusto di portarla. Non solo uomini; la camicia è infatti un indumento adatto a tutti e che può valorizzare qualsiasi tipo di abbigliamento, sia sotto una giacca, un maglioncino o anche semplicemente sopra un paio di jeans.

Stirare una camicia in 5 passi

Per stirare una camicia possiamo suddividerla in 5 parti e seguire una sorta di ‘percorso obbligato’ grazie al quale stirarla in modo perfetto senza lasciare le pieghe. Le parti, in ordine, sono: colletto, spalle, polsini, maniche, fronte e retro. Vediamole ognuna nel dettaglio.

Il colletto

Si parte da qui, dal colletto, per stirare una camicia in modo perfetto. Bisogna aprirlo e distenderlo sulla tavola da stiro e procedere con il ferro partendo dalle punte verso l’esterno in modo da evitare di creare le fastidiose pieghe sulla zona esterna.

Le spalle

La seconda parte da stirare è quella delle spalle. Questa parte va posta sulla punta della tavola da stiro per poi passare il ferro partendo da una spalla fino al carrè per arrivare poi all’altra spalla. Qualora si dovessero formare delle grinze si può utilizzare il vapore del ferro da stiro o, in alternativa, inumidire la parte in questione con qualche goccia d’acqua e stirare nuovamente.

I polsini

Quindi i polsini. Questi vanno ovviamente aperti e stirati fronte e retro.

Le maniche

Per quel che riguarda le maniche, invece, bisogna allinearle sulla cucitura e distenderle sulla tavola da stiro. La stiratura deve essere unidirezionale e opposta al punto dov’è tenuta ferma la camicia. Quindi effettuare la medesima operazione sull’altro lato. Per quegli assi da stiro che ne sono dotati è possibile utilizzare il braccio più piccolo per stirale la parte arrotondata della manica; in alternativa bisogna prestare maggiore attenzione che non si formino delle pieghe.

La parte frontale

Superato lo ‘scoglio’ delle maniche bisogna concentrarsi sulla parte frontale della camicia. Il consiglio è quello di partire dal lato dove sono le asole e far scorrere il ferro da stile partendo dal basso e verso l’alto. Successivamente passare a stirare il lato con i bottoni prestando attenzione a non premere troppo su di essi per evitare di rovinarli o romperli.

Il retro

Infine la parte della schiena. Per stirarla si deve stendere la camicia lasciando di lato le parti con le asole e i bottoni. Anche in questo caso bisogna procedere dal basso verso l’alto avendo cura di passare il ferro da stiro una volta soltanto per non vanificare tutto il lavoro fatto.

Mantenere la stiratura

In questi 5 semplici passaggi si può stirare una camicia in maniera perfetta. Appena terminato si appena la camicia ad una gruccia e lasciarla ‘respirare’ prima di metterla dentro l’armadio. Se invece conservate le camicie piegate, dopo aver fatto assorbire il vapore si chiudano i bottoni in maniera alternata (uno sì e uno no), si stenda la camicia sull’asse da stiro con i bottoni verso il basso e ripiegare un lato verso la parte centrale, quindi procedere con l’altro lato, piegando il tutto in modo simmetrico; quindi concludere piegando la parte bassa verso il colletto, il tutto in maniera delicata e senza pressioni per non sgualcire la camicia appena stirata.

Autore: Daniele Diggy

Scrivi un commento