Come pulire il vetro del forno quando è molto sporco: Guida e consigli utili

//Come pulire il vetro del forno quando è molto sporco: Guida e consigli utili

Come pulire il vetro del forno quando è molto sporco: Guida e consigli utili

2018-04-23T15:10:11+00:00

La pulizia del forno è uno dei problemi maggiori cui ci si deve confrontare, in quanto non è un’operazione frequente e a lungo andare le incrostazioni aumentano e diventano sempre più critiche da rimuovere. Trattandosi di un elettrodomestico che entra a contatto con gli alimenti, bisogna assolutamente evitare l’utilizzo di prodotti chimici, per non incorrere in problemi di salute.

Pulire il vetro del forno: i cattivi odori

Il primo aspetto da risolvere nella pulizia del forno, sia tradizionale che elettrico, è quello dei cattivi odori, che si accumulano dopo l’utilizzo. Il primo consiglio utile è quello di lasciare aperto lo sportello del forno dopo averlo utilizzato per cucinare, in modo che ci sia una buona areazione.

In aggiunta un metodo molto efficace è quello di utilizzare un limone. È sufficiente tagliarlo in due e utilizzare metà limone strofinandolo sulla superficie interna del forno, come fosse una spugna. Questa è una pratica consigliata soprattutto dopo aver cucinato le uova e il pesce.

I prodotti naturali per pulire il vetro del forno

Per quel che riguarda il vetro del forno da pulire, bisogna evitare l’utilizzo di detersivi chimici o altri prodotti industriali; i migliori risultati – anche dal punto di vista igienico – arrivano dall’impiego di sostante naturali.

Per quanto riguarda la superficie esterna del vetro del forno è sufficiente preparare una soluzione composta da bicarbonato, acqua e aceto (2 cucchiai). In una ciotola preparare questo composto, dopo che la schiuma si è formata bisogna versare il liquido in un contenitore spray e spruzzare la superficie da pulire. A questo punto, con l’ausilio di una spugna morbida, strofinare sulle macchie e pulire. A fronte di macchie più difficili si può spruzzare il prodotto, lasciarlo agire per 1-2 minuti e poi pulire nuovamente.

In alternativa, per ammorbidire le incrostazioni più dure, si può accendere il forno e attendere che sia caldo (non bollente) e intervenire sempre con una spugna.

Il doppio vetro

Il problema aumenta, invece, per la pulizia del doppio vetro del forno. La parte interna, infatti, è un vetro coibentato, con un intercapedine che, che può riempirsi di sporco e gocce di liquidi se le guarnizioni si consumano e non riescono più a rendere isolato il doppio vetro.

In questi casi l’operazione è un po’ più articolata, ma non impossibile. Per pulire il vetro del forno bisogna quindi smontare il pannello e sganciare (solitamente si tratta di un meccanismo a scatto) il doppio vetro. Per essere sicuri della procedura conviene consultare le informazioni del modello del proprio forno, per evitare di danneggiarlo o addirittura romperlo. Una volta sganciato è possibile pulirlo in maniera approfondita, rimuovendo ogni residuo di cibo, macchie e aloni.

Il consiglio è quello di provvedere con l’occasione anche alla sostituzione delle guarnizioni del vetro del forno, per evitare che dopo pochi utilizzi il problema si ripresenti. L’operazione è molto più semplice di quanto si possa pensare e anche in questo caso non bisogna utilizzare detergenti chimici, ma la soluzione con aceto, acqua e bicarbonato è sempre quella migliore, in quanto non utilizza prodotti nocivi per la salute.

Per evitare che le incrostazioni la facciano da padrone e la pulizia del forno diventi sempre un’operazione difficile da portare a termine, è preferibile pulire il vetro del forno regolarmente e di non far passare troppo tempo tra una pulizia e l’altra. Oltre a guadagnarci in termini di minore fatica, ne guadagnerete in termini di sapore e genuinità dei cibi cotti al forno.

Autore: Daniele Diggy

Scrivi un commento