Come lavare le tende senza rovinarle: Guida e consigli utili

//Come lavare le tende senza rovinarle: Guida e consigli utili

Come lavare le tende senza rovinarle: Guida e consigli utili

2018-04-23T16:05:53+00:00

Belle, utili e indispensabili per arredare casa, ma che sollevano qualche difficoltà quando si tratta di lavarle: stiamo parlando delle tende. Sono in molti a rivolgersi alla tintoria per andare sul sicuro e non avere problemi, ma è un tipo di operazione che si può fare anche a casa risparmiando sui costi. Scopriamo come fare.

Quando e come lavare le tende

Il consiglio è quello di lavare le tende due volte l’anno, in concomitanza con il cambio di stagione; soprattutto in primavera, dopo l’inverno, è importante lavarle per rimuovere tutto lo sporco e il grigio accumulato nei mesi invernali in cui raramente sono state a contatto con l’aria fresca. Per il lavaggio in casa delle tende bisogna accertarsi che il tessuto con il quale sono realizzate permetta il lavaggio in acqua; nei casi in cui le tende siano in organza o altri tessuti delicati è allora preferibile rivolgersi alla propria lavanderia di fiducia.

Lavaggio, risciacquo a asciugatura

Sono tre le fasi per il lavaggio delle tende: oltre al lavaggio in sé bisogna poi risciacquarle e asciugarle. Vediamo qual è la procedura.

Piegare le tende per evitare che si rovinino e immergerle all’interno di una vasca riempita per metà di acqua fredda. Dopo pochi minuti bisogna cambiare l’acqua e ripetete questa operazione per almeno altre due volte. L’ultima volta aggiungere all’acqua anche il detersivo. Si consiglia l’utilizzo di detersivi specifici per le tende, delicati e che non rovinano le tende, ma allo stesso tempo efficaci per sbiancare e smacchiare le tende. In alternativa si può usare un detersivo delicate e neutro e sbiancare le tende a parte (come vedremo tra poco).

A questo punto bisogna risciacquare ripetutamente le tende, avendo sempre massima cura che non si stropiccino. Nell’ultimo risciacquo si può aggiungere un cucchiaio di zucchero (o di amido) per donare maggiore consistenza alle tende.

Successivamente bisogna stendere le tende ma senza strizzarle, in modo che sia il peso dell’acqua a stirarle. Il consiglio è quello di stenderle in maniera verticale e si possono riagganciare alle finestre anche quando sono ancora umide, in modo che prendano la loro forma ottimale in maniera rapida senza ulteriori interventi.

Qualora aveste a disposizione un’asciugatrice elettrica potete utilizzarla per asciugare le tende direttamente nella loro sede. Si consiglia di utilizzare asciugatrici con tubi allungabili in modo da raggiungere tutti i punti senza grande fatica.

In aggiunta esistono diversi accessori per le asciugatrici, come i bocchettoni di diversa misura, che permettono una stiratura più precisa anche negli angoli e nei punti più delicati.

L’estremità dell’asciugatrice non deve essere ad una distanza inferiore ai 20cm dalla tenda, altrimenti c’è il rischio di rovinarla o bruciarla, muovendosi in maniera perpendicolare dall’alto verso il basso. Solo dopo che la tenda è asciutta è possibile procedere con la stiratura orizzontale, qualora la vostra asciugatrice disponga di questa funzione.

Si consiglia anche di spruzzare l’appretto (lo stesso che si utilizza normalmente per stirare) per migliorare il risultato finale.

Sbiancare le tende e rimuovere le macchie

Come anticipato oltre a lavare le tende è possibile anche sbiancarle con l’utilizzo di prodotti completamente naturali. Per procedere bisogna preparare una bacinella nella quale immergere le tende, acqua (tanta quanta per coprire le tende), bicarbonato (2 cucchiai), sapone di Marsiglia grattugiato (2 cucchiai) e mezzo limone spremuto.

A questo punto è possibile rimuovere le macchie molto facilmente: mettere la parte macchiata della tenda in ammollo con l’acqua e il sapone di Marsiglia (mezzo panetto) e lasciarle riposare per circa due ore e il gioco è fatto.

Qualora la tenda risultasse ingiallita, oltre al sapone di Marsiglia, è possibile aggiungere due cucchiai di bicarbonato e due di sale grosso. In tutti i casi è da evitare assolutamente la candeggina. Questa procedura è valida sia per le tende colorate che per quelle bianche.

Autore: Daniele Diggy

Scrivi un commento