Come conservare il Pesto di Basilico fatto in casa

//Come conservare il Pesto di Basilico fatto in casa

Come conservare il Pesto di Basilico fatto in casa

2018-04-23T12:29:25+00:00

Tra i condimenti per la pasta (ma anche per un secondo o per i crostini) sempre molto apprezzati c’è sicuramente il Pesto di Basilico. Farlo in casa poi è sicuramente preferibile, in quanto si riesce a mantenere tutto il gusto di questa conserva senza alcun tipo di prodotto chimo o colorante. Ma come conservare il pesto una volta preparato in modo che si mantenga nel tempo senza perdere il gusto e la freschezza?

Perché conservare il pesto

I vantaggi di conservare il pesto in piccoli vasetti o contenitori sono diversi, tutti riconducibili alla comodità. Quando si prepara il pesto può capitare di prepararne in quantità superiore ai bisogni immediati e piuttosto che sprecarlo si decide di conservarlo. Si può anche pensare di prepararne di più per non doverlo fare ogni volta che lo si vuole utilizzare come condimento risparmiando sicuramente in termini di tempo. Infine c’è tutta la comodità di avere delle porzioni su misura pronte per essere utilizzate per i propri piatti. Soprattutto per chi vive o mangia spesso da solo e ha tempi ristretti, avere a disposizione monoporzioni di pesto di basilico già pronto è sicuramente una grande comodità.

Come conservare il pesto

Ogni tipo di procedimento e metodo utilizzato per conservare il pesto deve prevedere l’utilizzo di contenitori sterili con una chiusura ermetica. Fondamentalmente sono due i metodi utili per conservare il pesto: con il sottovuoto e in congelatore.

Fare il sottovuoto

Volendo fare il sottovuoto bisogna prendere dei vasetti o dei barattoli della grandezza sufficiente a contenere il pesto necessario e sterilizzarli. Per sterilizzare i contenitori in casa è sufficiente inserirli all’interno di una pentola ripiena d’acqua e portarla a ebollizione. Una volta che l’acqua bolle i contenitori possono considerarsi sterilizzati. A questo punto si può versare il pesto all’interno dei barattoli, aggiungere un goccio d’olio e chiudere bene con un coperchio, sterilizzato anch’esso insieme ai barattoli. A questo punto si devono ricoprire i contenitori con un canovaccio e inserirli nuovamente in una pentola piena d’acqua e far bollire tutto per una ventina di minuti. Raggiunto questo tempo spegnere il fuoco e lasciar raffreddare i barattoli per poi conservarli all’interno di una dispensa buia, fresca e asciutta.

In congelatore

Un metodo più rapido per conservare il pesto è quello di congelare i vasetti. In questo caso è sufficiente versare il pesto in alcuni contenitori (si possono utilizzare anche i bicchierini da caffè per delle monoporzioni), ricoprirli con una pellicola per alimenti (o della carta stagnola da cucina) e riporli all’interno del congelatore. Prima di utilizzare il pesto è sufficiente tirare fuori dal freezer i contenitori necessari qualche ora prima, in modo che riacquistino aroma e morbidezza, e usarli per la preparazione delle proprie ricette.

Conservare il pesto di basilico fatto in casa è un sistema molto semplice e utile, come abbiamo visto, per tantissimi motivi. Con questi semplici sistemi si eviterà di sprecare quello avanzato e di prepararne di più per poterlo utilizzare all’occorrenza. Ricordiamo che il pesto di basilico fatto in casa può essere conservato anche per diversi mesi (soprattutto se messo in congelatore).

Autore: Daniele Diggy

Scrivi un commento